Hosting gratis vs. a pagamento Hosting gratis vs. a pagamento

Un servizio Web Hosting (relativo ad un hoster che si occupa di servizi web come siti, blog e servizi online accessibili solitamente mediante browser o altri client appositi) può essere sia gratuito che a pagamento.

Qual è allora il motivo per cui un utente dovrebbe acquistare un servizio hosting visto che sul web sono presenti delle soluzioni gratuite? La risposta a questa domanda è relativamente semplice, visto che le risorse gratuite che possiamo trovare sul web possono andar bene esclusivamente per qualche misera operazione di allenamento o di test su un qualche sito aperto giusto per fare un po di pratica di gestione, ma se si intende seguire un percorso professionale e serio allora l'opzione gratuita non deve essere presa minimamente in considerazione.

Il motivo per cui non conviene MAI affidarsi ai servizi hosting gratuiti è il fatto che essi non sono per nulla affidabili in termini di sicurezza, per non parlare delle capacità e delle risorse che possono fornirci, talmente limitate da poterle considerare nulle. Gli hosting gratuiti sono forniti dagli Internet Service Provider (ISP) come Tiscali e Libero, oltre che da alcuni hoster ulteriori come Altervista. Solitamente viene fornito un indirizzo di terzo livello come tuonome.nomeprovider.est

E ancora, con gli hosting gratuiti non si potrà usufruire di gran parte dei plugin disponibili sul web, con nessuna garanzia in termini di backup dei dati in caso di attacchi informatici.
Gli hosting gratuiti comprendono, di norma:           

- uno spazio web limitato, a volte (solo teoricamente) illimitato, nell’ipotesi di un utilizzo ordinario del sito stesso

- una banda (quantità di traffico o visitatori transitabile/i sul sito mensilmente) limitata, a volte (solo teoricamente) illimitata, nell’ipotesi di un utilizzo ordinario del sito stesso

- il vincolo, in molti casi, di inserire banner pubblicitari all’interno dei siti, le cui commissioni andranno obbligatoriamente al provider (fornitore) del servizio

- almeno una casella di posta elettronica

- solo in alcuni casi, il supporto alle più diffuse tecnologie per il web, di solito server Apache, PHP e database MySQL. In certi casi, tuttavia, gli host gratuiti permettono di utilizzare per es. obbligatoriamente Wordpress, oppure di ospitare solo siti statici (da modificare a mano, dunque), esclusivamente mediante il markup HTML ed i file di stile CSS. Insomma, con un hosting gratuito ciò che otterremo saranno solo scarse prestazioni, pochissime risorse da poter utilizzare e un livello di sicurezza praticamente inesistente.

Proprio per questo non esiste nessun'altra soluzione se non quella di usufruire di uno dei tanti servizi hosting a pagamento disponibili sul sito di Keliweb, proposte commerciali che garantiscono all'utente tutte le risorse necesarie per gestire il proprio sito web in maniera professionale. 

Esiste un enorme gamma di offerte in questo caso, in funzione dell'uso che si vuole fare del sito web, dei linguaggi di cui abbiamo bisogno e, forse soprattutto, del tipo di siti che si vanno a creare.
Se il sito è statico (solo HTML+CSS) un hosting a pagamento basilare offre:

- registrazione dominio

- trasferimento dominio

- almeno un indirizzo di posta elettronica

- eventuali filtri antispam ed antivirus basilari

- spazio web limitato

- banda mensile di traffico limitata a seconda dei casi

- un set di strumenti adatti alla gestione delle pagine: file manager, template grafici per il sito, FTP, contatori di visite 

Un servizio di livello medio, per un sito dinamico, oltre a quanto già elencato, offre in aggiunta:

- il supporto ad uno o più linguaggi di scripting lato server: PHP 4/5, Python, ASP

- il supporto ad un database, tipicamente MySQL o anche PostgreSQL

- servizi di statistiche e analisi del traffico come Webalizer oppure Piwik

- ulteriori servizi da richiedere ad-hoc

Notata l'enorme differenza? Non ti resta che valutare quelli che sono i servizi hosting sul nostro sito web e decidere quali di esso sia più conforme alle tue esigenze.
Hai trovato questa risposta utile?
4273 Visualizzazioni
person_pin Cosa pensano di noi i nostri clienti...

share Articoli correlati